Bistrot dLanga-MCT

Siamo giunti alla fine del mese di Gennaio con qualche golosa novità torinese. Preparerò presto una carrellata di nuovi locali.
Oggi vi racconto la nuova bottega all’interno di MCT. Sembra che Mercato Centrale abbia finalmente trovato, con le botteghe, una formula interessante e dinamica all’interno degli spazi di piazza della Repubblica.

Il Mercato Centrale Torino inizia il nuovo anno inaugurando una bella novità, che si aggiunge alla grande famiglia degli artigiani che popolano lo spazio dedicato alla bontà e alla convivialità nel cuore di Porta Palazzo.

La prima nuova apertura del 2024 è il Bistrot dLanga, che porta nel piatto la più autentica tradizione piemontese. In città, infatti, non è poi così facile trovare alcuni piatti che affondano le radici nella storia gastronomica locale: un buon bollito, o una buona bagna càuda, non sono poi così diffusi come si penserebbe, e spesso bisogna andare in gita tra le colline per trovarli. Così, la nuova Bottega di Mercato Centrale Torino si assume il compito di riportare in città questi piatti semplici, genuini, di una volta, quelli che portano in tavola il corsivo dei vecchi quaderni delle ricette casalinghe delle famiglie contadine.

Tumin, cipolla agrodolce, nocciole e melograno

Uovo pochée con crema di piselli e cipolla marinata

Il menù segue il ritmo delle stagioni, come la quotidianità in cascina tipica della terra langarola. La pasta è quella della domenica, impastata rigorosamente a mano e stesa a manovella, per custodire i ripieni cotti a lungo nel pentolone di rame. Il vitello tonnato è quello della tradizione, il bollito si accompagna alle salse di Langa e la battuta di Fassona Piemontese è al coltello. La bagna càuda è sempre sui cardi, le nocciole nella torta sono tonde e gentili e lo Zabaione è montato a mano.

Restaurant Manager Francesco Liboà

Plin al sugo d’arrosto con ristretto di vino

Abbiamo avuto modo di provare in anteprima la proposta gastronomica di Bistrot dLanga, la sottoscritta in versione vegetariana: un delizioso Toumin dal Mel con cipolla, nocciole e melograno, di secondo un uovo pochée con crema di piselli e fonduta di raschera. In cucina il bravo e competente restaurant manager Francesco Liboà, coadiuvato da Gianluca Roberti e Marco Franciosa.

Per i colleghi e amici giornalisti un menu 100% piemontese: Battuta al coltello e midollo con nocciole e fiocchi di sale, Plin al sugo d’arrosto, Guancia brasata al Barbera e un assaggio di bollito. Dolce il Bonet.
Una proposta interessante, con un menu degustazione tradizionale a € 35. Per accontentare tutti.

Dal menu sulla lavagna sono disponibili alcune proposte vegetariane, per chi non vuole mangiare carne ma ha voglia di assaggiare piatti sfiziosi. E in ogni caso si possono chiedere le alternative vegetariane del giorno.

Il Bistrot dLanga, la prima bottega accolta da Mercato Centrale dai sapori tipici di questa zona, propone un viaggio autentico tra i sapori di una terra ricca e variegata come i colori delle sue colline, dei suoi vigneti e dei suoi profumi.

Pranzo stampa su Invito del Mercato Centrale Torino