Pasticceria fine all’olio d’oliva: Il profiterolles al cioccolato

Ieri mi avete fatto una richiesta….
Postare la ricetta della preparazione dei profiterolles… Tulip… è per te!!
Eccoti accontentata!!
Procedimento lungo e laborioso… Ma il risulato premierà qualsiasi sacrificio!!

L’unica foto “decente” che ho è questa..Purtroppo non sono riuscita a fotografare i profiterolles con il cioccolato..La calca la bancone era incredibile… :-) Abbiamo finito di preparare tutti i dolci alle ore 22.45 circa… Fate voi!!
Ma la bontà di questo dolce è certificata!!

Profiterolles al cioccolato…

Pasta choux ( bignè)

1/2 litro di acqua
farina 250 grammi
olio e.v. di oliva ( ligure o del garda) 60 grammi
uova 5
un pizzico di sale e di zucchero

Choux è il termine internazionale che designa bignè e bignole…

Mettere sul fuoco in una pentola l’acqua con il sale , lo zucchero, l’olio, appena bolle gettarvi di colpo tutta la farina e mescolare energicamente con una spatola di legno, farla cuocere alcuni minuti,sempre rimestando fino a quando si forma una palla compatta..
Trasferire l’impasto in una terrina, unire un uovo sempre mescolando con la spatola ( l’impasto si dividerà per poi ricomporsi) unire il secondo uovo e via fino ad esaurimento delle uova.
Mettere l’impasto in una sacca per pasticceria munita di bocchetta di dimensione variabile secondo la grandezza desiderata degli choux.Modellare i mucchietti di pasta su di una placca ricoperta di carta da forno, bagnate con dell’acqua le punte ed infornate (in forno preriscaldato) a 200° per circa 25 minuti.
Spegnere il forno e lasciare gli choux 10 minuti all’interno dello stesso ( senza aprirlo perchè rischiereste di sgonfiarli!)

ripieno

tuorli d’uovo 3
zucchero 75 grammi
marsala secco 1 bicchierino
panna montata 400 grammi
colla di pesce 1 foglio

copertura al cioccolato

tuorli d’uovo 4
latte fresco 800 grammi
zucchero 100 grammi
cioccolata da copertura 100 grammi
fecola di patate 50 grammi
rhum 1 bicchierino
vaniglia 1/2 bacello

Montare i tuorli con lo zucchero ed unire il marsala;cuocere in un bagnomaria tiepido lo zabaione, gonfiando con una frusta fino a raddoppiare il volume.Fuori dal fuoco unire la colla di pesce, ammollata in precedenza in acqua fredda.A freddo unire allo zabaione la panna montata, tagliando delicatamente con una frusta.Farcire le bignole e metterle in frigorifero.
Fondere il cioccolato, in un bagnomaria tiepido..Montare i tuorli con lo zucchero, unire il cioccolato, la fecola, il latte tiepido con la vaniglia.Cuocere a fuoco basso per circa 5 minuti da quando inizia il bollore.Eliminare il bacello di vaniglia, unire il rhum e lasciare raffreddare.( N.B.la crema tenderà ad addensarsi per via della fecola..potete allungarla con un pò di latte)
Con l’aiuto di due forchette, tuffate le bignole farcite ( una alla volta) nella crema. Disponetele su piatti singoli o su di un vassoio di portata montandole a piramide.

Et voilà!!

Pasticceria all'olio e.v.
Nella foto inizio delle lezioni…E qui l’attenzione verso la maestra era al culmine..Poi la fame ha preso il sopravvento!!

8 thoughts on “Pasticceria fine all’olio d’oliva: Il profiterolles al cioccolato

  1. Tesoro, non ti arrabbiare, ma profiteroles non profiterolles.
    Lo sai che quel tizio con gli occhiali nella foto mi assomiglia?
    Il ho un po’ più capelli :D
    Rob

  2. GRAZIEEEEE!!!!!
    ….allora…adesso me la studio bene bene…..e vedo se trovo il tempo questo we per provare a farla…so di certo che mio fratello se vede che gli faccio il profiteroles impazzisce!!

    inolltre so anche che di sicuro farò qualche piccola modifica…
    allora ti chiedo qualche consiglio:
    1) vorrei evitare rhum e marsala… che ne pensi..non rovina la riuscita delle due creme?
    2) per bangare le punte dei choux come faccio? una spennellata?…boh..
    3)che en pensi se faccio un bignè allo zabaione, uno alla panna e uno al cioccolato, anni fa lo assaggiai così…

    PS Ancora grazie!!!
    baci baci baci

  3. X Rob:ma sulla dispensa, e sulla ricetta della maestra hanno scritto profiterolles…dal francese…profiterolles!!
    Non mi sono arrabbiata..:-DD
    Se provi con google vengono fuori mille e più ricettine..profiteroles o profiterolles!!! Lo mismo!! :-)

    x Tulip:
    1) bagnare con il dito solo la punta ! Non con il pennello!Giusto una goccia…
    2)Puoi anche non mettere il liquore!
    3)Per il ripieno..quello che preferisci!

    Poi fammi sapere come è andata!!
    :-D

  4. scusami Gourmet…
    mi è venuto un altro dubbio:

    Potrei fare i bignè tipo questa sera e poi farcirli sabato?

    ovvero durano?

  5. ciao gnocca! imepgnata come sei con i bignè, ti vedo gli occhi allegri e la faccetta felice. qui si fatica, ma si va in direzioni che conquistano un senso. ieri avevo zero batteria nel cellulare, ho fatto solo disastri. ma ho anche fatto quella che decide di se stessa. ed era tanto che non accadeva. ho fatto le prove generali da sola alla fiera del libro per ragazzi, ma verrò a torino. appena trovo un tempo degno, e cioè calmo, ti faccio uno squillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *