Minicake al limone e semi di papavero

Lemon poppy seed cake!

Questi mini cake sono dedicati a chi non ama il troppo dolce! Io amo preparare dolci, ma ahimè il dolce non far per me.. almeno non troppo spesso! ;-)))
E credetemi, nonostante lo zucchero il sapore è deliziosamente limonoso!

farina 150 grammi
uova 3
vaniglia (estratto) 6 grammi
zucchero 150 grammi
baking powder 4 grammi (circa mezza bustina)
sale 1/4 di cucchiaino
buccia grattuggiata di limone 1 cucchiaino
semi di papavero 30 grammi
burro 185 grammi
latte 50 grammi

portate i forno a 170°

per prima cosa sbattete le uova con la vaniglia e il latte.
nel recipiente del robot mescolate tutti gli ingredienti asciutti,i semi di papavero e la buccia del limone.Aggiungete il burro e metà delle uova sbattute…azionate il robot a bassa velocità amalgamando gli ingredienti;aumentate la velocità gradualmente e continuate per circa un minuto.Aggiugete in due riprese le uova e lavorate per circa 20 secondi ogni volta.
Imburrate degli stampini da cake in silicone singoli e trasferitevi il composto- ( potrete anche utlizzare uno stampo singolo da plum cake o stampini di alluminio usa e getta).
cuocete per circa 20/25 minuti o almeno fino a che inserendo uno stecchino, ne uscirà asciutto.

sciroppo al limone

zucchero 75 grammi
succo di limone 65 grammi

mentre i minicake sono in forno,sciogliete in un pentolino lo zucchero nel succo di limone…mescolate per un paio di minuti…
sfornate i minicake e spennellateli con lo sciroppo al limone, inzuppando bene anche la parte inferiore.
se ci riuscite (!!!) tenete al fresco per almeno 24h,permettendo così allo sciroppo di aromatizzare anche l’interno del cake.Se non ci riuscite..pazienza!!
si conservano… per 3 gg a temperatura ambiente,1 settimana in frigo,2 mesi nel freezer

*** dedicati alla mia mammina… :-***

19 thoughts on “Minicake al limone e semi di papavero

  1. siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii sono tre giorni che sono decisamente giù di morale… problemi di salute, ma vabbè…. ho controllato gli ingredienti, li ho tutti (tranne i semi di papavero ma rimedio nel negozio del commecio equo e solidale sotto casa), credo proprio che mi regalerò queste coccole prima di andare a lavoro nel pomeriggio!
    grazie

  2. sembra inventato apPOSTa per me! mi fa venire in mente un amico ristoratore di firenze che quando spiega i piatti ai turistoni americani alla fine fa “gnam gnam”…

  3. *Cuoca… sono contenta di avere dato una mano al tuo morale! :-**
    *Aldo! mi hai fatto morire.. alla fine fa gnam gnam… eh eh eh!! mi paicerebbe conscerlo il tuo amico! :-)))
    *Adre.. grazie grazie tu sai perchè!un abbraccio :-***
    a dopo!

  4. Leggendo la prima riga ho subito pensato: sììììì sono dedicati a meeeeeee… poi ho letto l’ultima di riga e mi sono sentita un’intrusa :)
    un bacio alla tua mamma che sarà stata contentissima di ricevere questa tua coccola!
    smack

  5. conosc benissimo il sapore dei semi di papavero…faccio sempre la torta…cmq volevo chiederti una cosa, io studio Food Design, in realtà ho quasi finito il master (post lauream) hai contatti o indirizzi utili da fornirmi???grazie mille…gran bel blog…baci
    ehm tornerò a leggerti sicuro e intanto spero che tu possa farmi sapere qlcs circa la mia domanda…

  6. **bel frigorifero,davvero!! :-)))
    *Silvia, mercì, la mamma se li merita anzi di più!
    a presto!
    *Giu&Cat.. non manca mai nemmeno da me il papavero,opsss i semi di papavero! ;-)))
    *Alex… avvai! Sono curiosa come un gatto! vedere vedere,vogliam vedere! bacioni a te!
    *DeDe! grazie troppo buona, nehhhhhhh!! p.s. ma quando aperitiviamo ?? :-)))

  7. uuhhmmm…
    io amo prepararli e mangiarli, quelli al limone sono in cima ai miei preferiti.

    vieni e ti porto a mangiare la tarte au citron più strepitosa di tutta Parigi…

    ho finalmente sistemato il link!!

    baci a fiotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *