Frolle di Natale con gelatina di mandarini

Frolle di Natale

Meno uno a Natale. Ho deciso che per quest’anno la cucina sarà molto, molto semplice. Così avrò più tempo per dedicarmi alla famiglia, alla lettura [che ho una pila di libri enorme da smaltire], allo studio tra scrittura e fotografia. Sto prendendo lezioni dall’amico Alessandro Di Noia, che da qualche settimana è diventato il mio personal photo-coach ;-))) Le foto che vedete in questo post le abbiamo scattate durante una sessione di coaching. È giunto il momento di prendere confidenza con l’apparecchiatura e le basi della fotografia in modo serio, fino ad ora non è andata male, visto che sono autodidatta. Ma quello da solo non basta.
A breve Alessandro scriverà anche qualche post per darci consigli su come scattare, quali luci, i trucchetti per fare meglio.

La ricetta di oggi è un piccolo peccato di gola, che ogni tanto mi concedo non amando alla follia i dolci. Però durante il tea time mi piace mangiare qualche biscotto, le frolle sono tra le mie preferite e grazie a Morena ho realizzato queste frolle di Zia Morè.
Ho iniziato a leggere il blog di Morena molto tempo fa e mi piace molto quello che fa e come lo fa, oltre ad essere molto brava è sempre molto disponibile con tutti, prodiga di consigli. Sua infatti la ricetta del dolce pubblicata nel mio libro, Asparagi, Bagoss e altre cose buone, nel capitolo dedicato al Veneto, devo dire un bellissimo regalo per me da parte di Morena. E suo anche l’elenco dei dolci tipici veneti.
Se non lo avete ancora fatto andate a comprare il suo bellissimo libro, Soffice Soffice, edito da Trenta Editore. Se amate i dolci lievitati è il libro che fa per voi!
Per la fine dell’anno vi racconterò un’altra sua ricetta, soffice, soffice e tremendamente golosa!

La ricetta della Pasta Frolla è dell’amica Morena Roana alias Menta e Cioccolato, e la trovate sul suo blog

pasta frolla q.b.
confettura di albicocca (ho usato gelatina di mandarino*)
zucchero a velo

Stendere la pasta frolla ad uno spessore di 1/2 cm
tagliare dei dischi di 4 cm e a metà di questi dovrete praticare un buco al centro (ho usato formine per biscotti per formare le frolle)

Disporli nelle placche con carta forno e cuocere a 180°/ 190° [statico] a metà altezza del forno, per 12-14 minuti. In ogni caso appena cambiano colore ed iniziano a dorare ai lati sono pronti
Comporre le frolle con al centro un cucchiaino di gelatina di mandarini, coprire con i dischi di biscotto forati, rimettere nel forno spento per 5 minuti.
Cospargere di zucchero a velo e servire con una tazza di tè fumante.

Gelatina di mandarino [con variazione sulle dosi di zucchero dalla ricetta di Delicious Days ]

da preparare il giorno prima

succo di mandarino ml 125 (circa 4)
zucchero grammi 60
fruttapec 1 cucchiaino abbondante (i mandarini, come tutti gli agrumi, sono ricchi di pectina, quindi mi è parso logico non esagerare con la dose di fruttapec]

Spremere bene i mandarini, fino ad ottenere circa 125 ml di succo. Mettere in una casseruola, aggiungere il fruttapec, lo zucchero e portare a leggero bollore. Proseguire la cottura per circa 5 minuti, mescolando regolarmente.
Fare la prova del piattino come per la cottura della confettura. Se dovesse risultare ancora leggermente liquida cuocere ancora per qualche minuto.
Trasferire in un barattolo di vetro e far raffreddare.

Auguri di un sereno Natale in compagnia dei vostri cari. Ci rileggiamo su queste pagine fra pochissimi giorni! Spread the love amici.

Frolle di Natale

9 thoughts on “Frolle di Natale con gelatina di mandarini

  1. Carissima Sandra, non sai che gioia questo tuo post, non avrei potuto ricevere un regalo più grande per questo Natale! Per me è un onore sapere che mi leggi ed è stato un piacere collaborare con te nella realizzazione del tuo bellissimo Libro. Sai che ti ammiro come donna, persona e come professionista!!
    Voglio Augurarti un Natale pieno di Serenità e Gioia ed un 2014 raggiante!! Ti mando un grosso abbraccio!
    Morena

  2. Belle frolle, il libro di Morena continuo a dire che è stupendo, del tuo non parliamo. Sulle foto io sono una capretta e per fortuna ho chi le fa per me però l’idea di leggere qualcosa da qualcuno che ne sa mi intriga tanto! :)
    Auguroni a te, qua ci prepariamo alla maratona più lunga dell’anno ;)

  3. W la lentezza. E se questo é il risultato, la lentezza e la semplicitá sono sinonimi di bontá (scusa la rima scema…;-)
    Tanti auguroni !

    PS avrei urgente bisogno di coach fotografico

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>