Cucina ebraica:Lekach di Zena -Torta di miele

Da sempre sono affascinata dalla cucina ebraica…c’è qualcosa che,inspiegabilmente,mi unisce a questa cucina.. Forse il legame è molto profondo e antico.. e parla di famiglie,della loro storia, la cultura tramandata di generazione in generazione..
Nella cucina ebraica si mescolano tra loro religione,regole alimentari e tradizione.
Alla base di ogni piatto c’è sopratutto il rispetto della kashèrut,ovvero l’insieme delle regole alimentari ebraiche… in ebraico kashèr= essere adatto…

La ricetta di questo dolce arriva dalla germania, esattamente da Berlino… Il dolce di famiglia di Zena.. semplice,buono…e ogni volta diverso!! Si perchè le dosi sono variabili… dipende dalla tazza usata per dosare gli ingredienti… ;-)
Ricorda molto il pain d’epices…ma è molto più morbido grazie alle mele…

dose per due torte

zucchero un bicchiere
acqua 1 bicchiere
olio e.v. di oliva un bicchiere
uova medie 3
bicarbonato 1 cucchiaino raso
miele grammi 225
zenzero in polvere 1 cucchiaino colmo
4 spezie 1/2 cucchiaino
farina
mele a fettine o noci

preriscaldate il forno a 180°
ungete e foderate due tortiere (meglio se rettangolari) così da poter tagliare le torte più facilmente..mescolate tutti gli ingredienti con tanta farina quanta serve per ottenere un composto non troppo denso…versatelo nelle tortiere e coprite con le mele tagliate a fette o le noci.
Infornate per circa 50 minuti ogni torta.. la superficie dovrà risultare soda ed elastica al tatto.
Togliete dal forno ,lasciate riposare per circa 5 minuti, sformate e fate raffreddare sulla griglia del forno.Avvolgete nella carta stagnola e fate riposare qualche giorno prima di servire.

Consiglio l’acquisto di questo bellissimo libro.. non solo una raccolta di ricette proveniente da ogni parte del mondo.. ma storie, racconti aneddoti sulle persone che hanno donato i loro segreti a Clarissa Hyman, per la realizzazione del libro…

Cucina Ebraica,Clarissa Hyman-Guido Tommasi Editore

17 thoughts on “Cucina ebraica:Lekach di Zena -Torta di miele

  1. posso confermare la bontà di quetsa torta perchè l’ho assaggiata ieri sera in un prestigioso ristorante che la serve come piccola pasticceria…:-)))
    il libro l’ho prenotato stamattina.
    a quando una cena con cibi di cucina ebraica?
    ciao, vittorio

  2. Me lo ha consigliato anche Mita il libro e penso che abbia proprio ragione, del resto mi fido del suo giudizio, dell’aspetto di questa torta e del testimone qui sopra :))

    Baci

  3. anch’io sono sempre stata attratta dalla cucina ebraica, da tutta la cultura di quest’universo a dire il vero…

  4. Oh no dai che mi assale la voglia di comprare un altro libro di cucina :)
    Ma allora lo fai apposta di piazzare quel bel piatto nelle foto, lo vogliooooooo!! Sgrunt
    Come è andata la piccola pasticceria?
    Io con la mia sono vicina alla soluzione, i biscuit fondant non sono altro che biscotti viennesi e la Hay inizia a starmi sul serio sulle scatole!
    Comunque lavorando meglio il burro e con un’aggiunta di albume stanno insieme!!
    Peccato che ormai io ne abbia la nausea :(

  5. Cari amici, grazie ancora per i bei commenti vi raccomando caldamente l’acquisto del libro.. Signor Tommasi, posso diventare azionista?? I vostri libri sono bellissimi!!;-DDDD
    C’è ancora molta diffidenza in proposito e caro vittorio la cena ebraica la faremo, ma penso con molta probabilità a casa mia!! ;) al ristorante sarà un pò difficile..
    Un caro abbraccio a tutte/i.. torno alle scartoffie.. ;)

  6. a proposito di cucina ebraica, mi hAI fatto ricordare il salame d’oca prodotto da jolanda de colò…strepitoso !
    dal dolce…dirotto volentieri verso il salato, unica eccezzione :: la cioccolata ;-9

    un beso
    °_A

  7. anche io ne sono affascinata da quando moltissimi anni fa fui invitata (ero negli usa) ad un bar mitzvah a cui seguì un ricevimento con tantissimi piatti meravigliosi!

  8. i dolci di famiglia, non per forza della propria famiglia, per quanto semplici, hanno sempre un sapore speciale, sta tutto nell’ingrediente segreto: i ricordi che sprigionano.
    saluti golosi cat

  9. I’ve got that book – only in English:) Thank you for popping buy and leaving a comment. Too bad I cannot read Italian – you’ve got a lovely-looking blog and it would have been interesting to understand more..

  10. mi incuriosisce la cucina Ebraica, soprattutto con l’approssimarsi della Pasqua!

    quel piatto fa molto primavera.

    buon giovedì

  11. ciao sandra,
    caspita che bella questa torta…stavo leggendo qualche tempo fa un saggio sull’antica cucina ebraica, + che altro riguardava la separazione degli alimenti e le combinazioni consentite, mooooolto interessante!
    un baciottolo!

  12. Cuocarossa…bar mitzvah, che bello!!!;) non ho mai avuto il piacere di assistere, e mi piacerebbe molto.. anche per il banchetto che segue,neeehh!! ;)
    bEtti!! Salame d’oca… ;) come non ricordarlo!! e se devo dirti la verità anche io prediligo il dolce!!
    S.B.. ;) dici bagel??Con formaggio?? Ed io gioisco! Sarà la prossima ricetta, vedrai!! besos
    Cat.. già,già dolci di famiglia, che hanno dentro tutti i ricordi.. che bello!saluti golodi a te.. ;)
    Pille… Welcome!!! And I hope to see you soon, maybe in London!! ;)
    Ape! Buon giovedì a te e già che ci siamo buona pasqua! ;-DDD
    Gaia… ;) veramente moltooo interessante da studiare, concordo con te!! Ma la prossima volta sushi anche tu?? baciottoli x te e il pacioccone Sky!

  13. eh eh, mi sembra di capire anche tu sei una fan della Tommasi Editore : ) Questo mi manca ma mi hai fatto venire voglia di rimediare alla prima occasione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *