Girarrosti Santa Rita: da 53 anni il pollo arrosto dei torinesi (e non solo)

Aranciotti e Ghiottone pollo arrosto Girarrosti Santa Rita

Da bambina mi attaccavo alla vetrina a guardare le file di polli arrosto, con sotto le patate. Ogni volta tiravo la manica alla mamma e le dicevo “mamma, mamma, compriamo il pollo arrosto per cena?” con gli occhioni del gatto con gli stivali. A volte (la maggior parte delle volte in effetti) la mamma mi accontentava.

Sono cresciuta a pollo arrosto e patate del Girarrosto Santa Rita. Perché bisogna dirlo, a Torino loro sono una vera e propria istituzione, dal 1963 anno di apertura dell’attività. Parlo dei primi anni 70, avevo sette anni e già apprezzavo la buona cucina di casa, ma ogni tanto i miei ci portavano a pranzo fuori la domenica, a volte a mangiare la pizza, all’epoca da Gino o da Piero. Il primo è ancora in attività (via Monginevro), il secondo ha ceduto i locali all’attuale pizzeria 4 Assi (corso Siracusa). Questo per dire che anche in tenera età mi gustavo i luoghi cult della città.

Archivio foto Girarrosti Santa Rita

Archivio foto Girarrosti Santa Rita

messicano e ghiottola

I Girarrosti Santa Rita nascono da un’idea di Mario Valentini, romano. Il primo negozio in realtà doveva essere l’unico. Il tempo di avviare l’attività e tornare a Roma. Poi come spesso succede, il successo è inaspettato e travolge il suo creatore. La famiglia Valentini da allora non si è più fermata, mettendo radici a Torino.

Il Girarrosto Santa Rita di cui ho memoria si trovava proprio in Piazza Santa Rita, quartiere tra i più popolosi di Torino. Era la nostra occasione di comprare in rosticceria un pollo appena sfornato e fare festa, permettendo alla mamma di saltare la preparazione della cena (a volte del pranzo), solitamente il sabato. A quell’epoca noi bambini ci accontentavamo di poco: di pochi giochi, di cibo semplice, di libri da leggere. Per noi andare a mangiare fuori era una festa.

Pollo arrosto Girarrosti Santa Rita, Torino
Prodotti Girarrosti Santarita

In questi anni di attività da freelance mi capita spesso di pranzare fuori casa. A volte invece, quando proprio non riesco a preparare nulla perché sono di corsa e mi manca il tempo materiale per organizzare un menù (a pranzo come a cena), vado in Via Nizza 103, nel negozio Girarrosti Santa Rita che sta proprio a due passi da casa. La gamma di prodotti è davvero ampia: oltre al pollo arrosto con patate (che resta il mio favorito) potete trovare gli Aranciotti (ragù, prosciutto e mozzarella o spinaci), le Trottole (crocchette di patata e mozzarella) le Ghiottole , crocchette di patata con bacon croccante, i Messicani, le crocchette di riso con mozzarella, bacon e peperoncino. Oltre alla linea tradizionale, c’è quella stagionale, con funghi porcini, radicchio rosso per l’inverno o Ortolano, per l’Estate.
Per un menù super tradizionale e accontentare tutti, ordino pollo arrosto, patate al forno e al vapore (pollo e patate anche per celiaci), oppure lo stinco con patate e le girelle di salsiccia. Più verdure di stagione in abbondanza.
Pausa pranzo golosa ed equilibrata con un aranciotto agli spinaci, un’insalata di finocchi e un frutto.

patate al vapore e piatti pronti
vini e bevande

Oggi Girarrosti Santa Rita conta 15 punti vendita a Torino, 7 in provincia di Torino e uno a Milano, qualità e cortesia, la stessa, oggi come allora. Vicini all’ambiente, perché nei laboratori l’energia è prodotta da pannelli fotovoltaici, con un’attenta riduzione di emissioni e consumi. L’olio viene smaltito correttamente e riutilizzato per produrre biodiesel. C’è anche l’impegno per una gestione sostenibile delle foreste, che si è concretizzato nella scelta della carta del packaging a basso impatto ambientale certificata PEFC™.

Aranciotti spinaci e ghiottole
Novità: per tutti quelli che non hanno tempo di muoversi, ma non vogliono rinunciare alla cena pronta in tavola, a breve sarà operativo un comodo servizio di delivery.
Per rimanere aggiornati potete consultare la pagina FB oppure inviare una mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *